Skip to main content

CAMBIAMO MARCIA: SERVONO TRASPORTI EFFICIENTI

Implementiamo il sistema e garantire collegamenti efficienti sul territorio

CAMBIAMO MARCIA: SERVONO TRASPORTI EFFICIENTI

Implementiamo il sistema e garantire collegamenti efficienti sul territorio

Mobilità

Da anni la rete dei trasporti ferroviari in Lombardia è ancorata ad un sistema fallace, che causa disagi all’utenza per troppo a lungo ignorati.

E’ tempo di cambiare marcia: per farlo sarà necessario implementare il sistema e garantire un servizio di qualità con collegamenti efficienti sul territorio.

Tra le nostre proposte, vi sono anche quelle di completare le tratte ferroviarie ad alta velocità e alta capacità già programmate, fornire strumenti per incentivare la mobilità sostenibile introducendo il trasporto pubblico locale gratuito per giovani e anziani.

L’Italia del progresso non può fermarsi e deve muoversi meglio.

#fiduciaecompetenza

CHI SONO

Carlo Cottarelli, candidato al Senato per un’Italia democratica e progressista.

Ho studiato a Cremona fino alla maturità. Poi mi sono laureato in Scienze Economiche e Bancarie a Siena e ho conseguito il master in Economia alla London School of Economics. Ho lavorato in Banca d’Italia, all’ENI, al Fondo Monetario Internazionale e per il Governo italiano. Da fine 2017 sono direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani dell’Università Cattolica di Milano e insegno alla Bocconi.
Mi sono candidato al Senato al seggio uninominale nel collegio che comprende le provincie di Cremona e di Mantova. Conosco la realtà locale di queste provincie, la necessità di migliorare i servizi sanitari, i trasporti, l’ambiente. So quanto le imprese del territorio, soprattutto le piccole e medie imprese e gli artigiani, siano oppresse dalle pastoie burocratiche.
Sarebbe per me un onore rappresentare al Senato i cittadini di queste due provincie.

Leggi di più

La mia candidatura è motivata dall’importanza delle prossime elezioni, in cui si confrontano due visioni di Italia diverse: una progressista e una conservatrice.
Essere progressista vuol dire mettere al centro dell’agenda politica la giustizia sociale, ovvero la possibilità di crescita personale che tutti devono avere, a partire dall’attuazione dell’art. 3 della Carta Costituzionale.
Essere progressista vuol dire essere più solidali con chi è stato meno fortunato, vuol dire avere una tassazione progressivatutelare l’ambiente per garantire il futuro delle nuove generazioni, vuol dire guardare all’Europa con fiducia verso un maggiore sviluppo politico dell’Unione.
Ma, essere progressista, vuol dire anche impegnarsi per garantire il buon funzionamento dello Stato, senza sprecare soldinon soffocando le imprese con la burocrazia e investendo in sanitàistruzione e infrastrutture.

Il 25 settembre scegliamo di cambiare marcia, con Carlo Cottarelli candidato al Senato